Porte Aperte alla RL di Primolano l’11 ottobre 2020

Porte Aperte alla RL di Primolano l'11 ottobre 2020
by

Terza e ultima apertura, per il 2020, alla Rimessa Locomotive di Primolano nella giornata di domenica 11 ottobre: organizzata dall’associazione Società Veneta Ferrovie sarà l’occasione per il pubblico di vedere da vicino la locomotiva a vapore 880 001 in pressione; la centenaria vaporiera si muoverà nel fascio binari museale trainando la composizione del Treno Turistico della Valbrenta/Valsugana composto da due carrozze passeggeri e due carri merci.
I visitatori potranno ammirare anche la piattaforma girevole in funzione, i cui lavori di revisione e restauro sono ormai giunti quasi alla conclusione, grazie all’impegno dei volontari che, dallo scorso maggio, hanno dedicato interi fine settimana per recuperare le 11 settimane di fermo per il blocco dovuto al Covid-19. La piattaforma sarà la “passerella” sulla quale verranno fatti girare, oltre alla vaporiera, anche altri rotabili in carico a SVF.
L’associazione ringrazia la Segheria Frison Franco snc di Primolano per aver donato le tavole in legno che hanno permesso di ricostruire le passerelle di servizio della piattaforma.
Durante la giornata verranno effettuate manovre anche con l’automotore Diesel L 914 Sogliola e sarà possibile da parte dei visitatori utilizzare la draisina a pedali, mezzo un tempo usato dai ferrovieri per il controllo della linea ferroviaria.
Per velocizzare la registrazione dei visitatori all’entrata della Rimessa si consiglia di scaricare l’allegato modulo della liberatoria, consegnandolo compilato all’ingresso; sarà comunque possibile compilarla anche all’ingresso dove i volontari dell’associazione provvederanno anche alla misurazione della temperatura.
Il numero dei visitatori ammessi contemporaneamente nell’area è di 100 persone (soci esclusi).
L’evento verrà confermato definitivamente sui nostri canali (sito, facebook, twitter, instagram) sabato 5 settembre in relazione sia alle condizioni atmosferiche sia ai protocolli, ai DCPM e alle ordinanze regionali in essere riguardanti il Covid-19 e, se del caso, rinviato ad altra data.




CONDIVIDI SUI SOCIAL