Museo della Ferrovia di Forlì

F.I.F.T.M.

AVVISO DI CONVOCAZIONE DI ASSEMBLEA ORDINARIA

L’assemblea annuale ordinaria 2018 è convocata presso la Sala Diamante, sita nel mezzanino della stazione di Milano Porta Garibaldi, in prima convocazione per le ore 7 di venerdì 9 novembre 2018.
Qualora, come prevedibile, la prima seduta non raggiunga il quorum richiesto, la seconda convocazione è fin da ora fissata per le ore 14.00 di sabato 10 novembre 2018 per continuare domenica 11 novembre, dalle ore 9,30 alle ore 12,30 circa, presso il deposito Rotabili Storici di Milano Smistamento, per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno:
1) Relazione morale della presidenza sul triennio 2015/2018;
2) Bilancio generale attività 2018 e prospettive future, con particolare attenzione ai decreti attuativi della legge 128/2017 sulle Ferrovie Turistiche;
3) Rendiconto situazione finanziaria;
4) Rinnovo del Consiglio Direttivo per il triennio 2019/2021;
5) Attività delle singole Associazioni riguardo la collaborazione con Fondazione FS e/o con altre Amministrazioni ferroviarie (idee, proposte, progetti);
6) Illustrazione delle attività di Fedecrail da parte del Consigliere Pierluigi Scoizzato;
7) Individuazione, ed eventuale nomina, di figure professionali utili per il perseguimento degli scopi sociali;
8) Varie ed eventuali.
Nell’ attesa di incontrarvi presto, cogliamo l’occasione per salutarvi tutti cordialmente
Il Presidente : Alberto Sgarbi
Il Segretario : Pierluigi Scoizzato
(scarica la comunicazione in PDF)

 

“Fa’ la Cosa Giusta”, ecco il programma del Convegno di lancio della Primavera della Mobilità Dolce 2018
Sono disponibili per il download le presentazioni effettuate dai relatori durante il seminario sull’attuazione della legge 128/2017 sulle Ferrovie Turistiche tenutosi il 14 febbraio 2018.
FERROVIE TURISTICHE: L’ATTUAZIONE DELLA LEGGE 128/2017
La legge 128/2017 sulle ferrovie turistiche è il risultato straordinario di un lavoro comune, che ha visto FIFTM e AMODO giocare un ruolo di importanza rilevante nell’elaborazione del testo del provvedimento.
Tuttavia, una legge funziona se può essere correttamente applicata con le indicazioni contenute nei decreti attuativi e in una serie di atti amministrativi.
Anche in questo caso, gli attori in gioco sono diversi, uno dei compiti di FIFTM e AMODO è quello di diventare un punto di raccordo fra tutti i soggetti interessati (Imprese Ferroviarie, Associazioni, territori ecc..) , al fine di trovare una sintesi che consenta un proficuo svolgimento delle attività inerenti le ferrovie turistiche.

Il 14 febbraio, presso la sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, si terrà un seminario di confronto sui provvedimenti attuativi della Legge sulle Ferrovie Turistiche, promosso da Alleanza Mobilità Dolce e Federazione Italiana Ferrovie Turistiche e Museali.
Il seminario è una occasione di confronto con il MIT, ANSF, RFI, Fondazione FS, Regioni, Asstra, ARST Sardegna, Ferrovie della Calabria, Associazioni di Volontariato per fare il punto sui decreti attuativi previsti dalla norma 128/2017 e trasformare in realtà concreta le ferrovie turistiche e il ferrociclo in Italia.

14 febbraio 2018 – ore 9.30-13.30
Sede Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, via Caraci, 36 . Roma
Aula Emiciclo, palazzina C, primo piano

Scarica la locandina

 

28 Settembre 2017 – Pubblicata la Norma UNI per il Ferrociclo

Un altro passo verso una delle modalità più diffuse per rivitalizzare le ferrovie con binari esistenti, ma non più percorribili dai treni, è stato fatto: lo scorso 28 settembre è stata pubblicata la norma UNI che sancisce le caratteristiche costruttive dei ferrocicli. Potrebbe sembrare una piccola cosa, ma il lavoro, iniziato nel dicembre 2015 è stato intenso e impegnativo.

Vogliamo ringraziare i membri del gruppo di lavoro, in cui erano presenti incaricati di RFI, Ansf, Comune di S. Giovanni d’Asso (ora Montalcino), MFP, Sagana, FIFTM  e Bombardier. Tutto questo a testimonianza della serietà e dell’impegno che richiede qualsiasi veicolo che gira su binari.

Ora bisogna fare i regolamenti di esercizio, in parte già abbozzati con ANSF negli anni scorsi, per consentire la circolazione di questi veicoli.

Siamo fiduciosi di chiudere la partita in tempi ragionevoli e fare in modo di dare la possibilità a coloro che volessero cimentarsi in questa attività di cominciare, già dalla primavera 2018, a fare le prime sperimentazioni.

(il link della norma)

 

La FIFTM (Federazione Italiana delle Ferrovie Turistiche e Museali) è un’associazione costituita con atto notarile a Torino, nel 1995, con lo scopo statutario di rappresentare e promuovere le attività culturali, turistiche e museali svolte dai Gruppi ed Associazioni ad essa affiliati, rapportandosi ad Enti Pubblici e Privati a livello nazionale, ed anche internazionale.

Attualmente la FIFTM conta 24 Associazioni, presenti su tutto il territorio nazionale, con centinaia di soci che, in forma di volontariato, operano per la promozione culturale della la storia e dell’attualità del mondo del trasporto su rotaia.

Il fulcro dell’attività delle nostre Associazioni è quello di mettere in campo azioni per valorizzare il patrimonio ferroviario nazionale, sia per quanto riguarda i rotabili, sia per quanto riguarda le linee, i tracciati e le opere d’arte, considerando l’altissimo valore storico e socio-antropologico del trasporto su rotaia.

Tutto questo può essere svolto in diversi modi: iniziando con le attività culturali e di sensibilizzazione verso il mondo dei trasporti su rotaia, passando dai rapporti con gli Enti Locali e le Imprese Ferroviarie, fino al recupero di rotabili e infrastrutture di valore storico e all’organizzazione di viaggi con treni storici e turistici.

Molte di queste cose però non possono essere fatte dalle Associazioni in totale autonomia, ed è necessario appoggiarsi a soggetti che possono farlo a norma di legge e che dispongono delle necessarie risorse economiche, materiali e umane. Per questo, buona parte delle nostre Associazioni è convenzionata col soggetto più significativo e dinamico nel’ambito italiano delle ferrovie storiche e turistiche: la Fondazione FS Italiane.

Tuttavia il panorama delle ferrovie italiane non si può certamente identificare con le sole FS, in quanto vi è una vasta rete di ferrovie regionali (quelle che un tempo erano definite “concesse” e in gestione commissariale governativa), sia a scartamento ordinario che ridotto, che hanno fatto la storia della mobilità per milioni di cittadini italiani: dalle metropoli industriali del Nord alle aree interne e montuose del Sud.

Inoltre, le ferrovie regionali italiane detengono un parco di rotabili storici di inestimabile valore, del quale le stesse aziende proprietarie non sempre percepiscono la straordinaria importanza e che necessitano di opportuni stimoli in questo senso, anche attraverso l’azione di FIFTM, in supporto alle Associazioni locali.

Per svolgere i propri scopi statutari, la FIFTM ha rapporti con le Imprese Ferroviarie, I Ministeri dei Trasporti e dei Beni Culturali e con grandi Enti di valorizzazione del territorio nazionale, quali Italia Nostra, il FAI, il Touring Club, il WWF, CoMoDo (Confederazione Mobilità Dolce) e qualsiasi altro organismo con cui condividere le finalità statutarie.

La FIFTM ha collaborato, e collabora, col Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria al fine di emanare apposite regole di gestione ed esercizio delle ferrovie turistiche, per rendere fattibili tecnicamente ed economicamente i progetti di riuso di dette linee, e per la circolazione di rotabili ferroviari d’epoca, con regolamenti appositi.

Oltre ai treni, la FIFTM si sta occupando dell’emanazione di regole (anche attraverso l’Ente di normazione UNI)per un riutilizzo “intensivo” delle infrastrutture ferroviarie, che permetta di creare opportunità di lavoro e di ampliare l’offerta turistica dei territori; in particolare con l’impiego di ferrocicli (speciali veicoli a pedali su rotaia), piste ciclabili integrate con parti delle linee ferroviarie, utilizzo di veicoli tipo “tram” che non devono sottostare alle più stringenti norme dei rotabili ferroviari.

La FIFTM non si limita al solo panorama nazionale, ma è connessa alle realtà analoghe operanti negli altri paesi europei, raggruppate nella Federazione Europea “Fedecrail”, che raggruppa circa 600 associazioni di tutta Europa, attive per la cultura storica e il turismo con mezzi ferroviari d’epoca, alcune delle quali da oltre 40 anni.

A nostro avviso l’Italia ha potenzialità turistiche veramente importanti e significative, non solo nei settori tradizionali, ma anche nel campo del turismo ferroviario e delle ferrovie storiche.

Riteniamo che queste potenzialità siano ancora in gran parte inespresse, ma in questi anni la FIFTM ha visto un notevole incremento delle Associazioni federate e, grazie a questa maggiore rappresentatività, ha potuto lavorare per rappresentare il tema delle ferrovie storiche e turistiche presso gli organismi dello Stato (ANSF e Ministeri) che devono studiare ed emanare le regole della circolazione e dell’esercizio ferroviario.

Il lavoro da fare è sicuramente tanto, ma i primi segnali sono molto incoraggianti e vanno nella direzione auspicata di far progredire un settore utile al paese in termini culturali, storici e turistici, le cui ricadute economiche sui territori potrebbero avere anche una rilevanza economica non trascurabile.